un gran bel pezzo di quadro

Avete presente, vero, il dipinto “L’origine del mondo” di Courbet? Quello sul quale si protrae un dibattito a corsi e ricorsi storici, a seconda del livello di bigottismo imperante? Intanto rimando al pezzo di Mantellini, con tutti i richiami al nuovo impasse, ovvero la riproduzione del soggetto su un catalogo di una mostra del Mart distribuito a una scolaresca elementare. Lo stesso target che a 8 anni ha già visto e sentito tutto quel che c’è da vedere e sentire sul sesso in tv, sui cellulari, in internet, nelle edicole, quando i bimbi lasciati allo sbaraglio vanno a comprarsi gormiti e altre varie amenità, e non lesinano sbirciatine a destra (nel senso di Panorama) e a manca (nel senso dell’Espresso).

Non vedo così come possa suscitare polluzione la vista di una vagina artistica “as is”, avulsa cioè dai contorni pornografici patinati a cui l’immaginario maschile alle soglie della pubertà associa ormai il proprio futuro prossimo obiettivo primario. Ma, è un dato di fatto, la genitrice dei cretini è sempre gravida, e, dato il contesto, non esiste affermazione più appropriata. Come al solito lancio il sasso e ritiro la mano, evitando di tuffarmi nel dibattito. Ma trovarmi nuovamente a tu per tu con la nostra comune origine, mi ha riportato alla memoria un colloquio di lavoro che sostenni molti anni fa, quando ancora ero alla ricerca dell’occasione della vita, e, reduce dal fallimento dell’agenzia in cui lavoravo, in piena bolla Internet, rispondevo ad annunci anche non proprio perfettamente in linea con il mio profilo.

Mi ritrovai quindi nello studio di un noto professionista in ambito ricerche di mercato e indagini statistiche. Avevo preparato fino all’ultimo dettaglio quell’incontro: le premesse c’erano tutte, sia in termini di paga che di tipo di prestazione, compresa la possibilità di continuare la mia attività di freelance, che a quei tempi più floridi costituiva la migliore e più proficua alternativa allo stress da lavoro fisso. La persona che mi aveva contattato, inoltre, svolgeva anche l’attività di docente universitario, il che mi avrebbe permesso di approcciare un mercato nuovo. Inoltre, mi avrebbe messo a disposizione un ufficio nel suo studio, da utilizzare a piacimento, anche per altri lavori. Insomma, c’erano tutti i presupposti dell’opportunità della svolta.

Ma appena entrai mi resi subito conto che non sarebbe stata una passeggiata. L’ostacolo principale tra me e il nuovo lavoro era appeso alle spalle dell’intervistatore, e aveva sembianze piuttosto note. Dietro di lui e della sua scrivania, rivolta verso di me, campeggiava una riproduzione in scala uno a uno proprio del dipinto di Courbet, in tutta la sua espressività. Mi trovavo quindi di fronte ad un doppio interlocutore, uno loquace ed uno muto, quest’ultimo di gran lunga più impegnativo, impossibile da non considerare perché sfondo dell’intero campo visivo. Probabilmente faceva parte del gioco, un occhio super partes con la funzione di formulare le domande più difficili: chi sei, cosa ci fai qui, ti ricordi di me, sai da dove vieni, come ti comporti in mia presenza, quesiti prevalenti rispetto a quelli più di routine, inerenti la mia esperienza.

E l’essere a tu per tu con Courbet, per non dire con quel dettaglio, in modo così decontestualizzato, è stato fatale. La vagina ha prevalso con il suo monologo, neutralizzando ogni dialogo tra me e il mio intervistatore. Quindi non i miei lavori svolti, non la mia richiesta economica, non il mio look poco business hanno influito su quella selezione. Il mio sguardo e la mia attenzione si alternavano: lui, lei, lui, lei, lui, lei. Così sono stato smascherato. Avevo fallito il vero test psicoattitudinale, la prova di resistenza allo stress, colto e messo ko da un attacco di Sindrome di Stendhal, ammesso che così possa definirsi.

L’esperienza si è conclusa come da copione, Sono stato liquidato con il solito “le faremo sapere” di circostanza, una stretta di mano, un ultimo sguardo d’addio alla madre di tutti i colloqui, di tutti i giovani in cerca di lavoro, di tutti gli intervistatori, di tutti i docenti universitari, di tutti, e poi via, avanti il prossimo candidato. Vogliate fare tesoro di questa mia esperienza per i colloqui a venire e ricordate: mai sottovalutare l’ansia da prestazione.

Advertisements

5 pensieri su “un gran bel pezzo di quadro

  1. Contesto diverso, studio notarile per rogito vendita casa.
    Chiedo al titolare (un tipo che del notaio non aveva nulla, vestito con giacchettino di pelle country style) se il Basquiat e il Keith Haring appesi alla parete erano originali.
    “Eh certo”, mi risponde, schifato dal mio mettere in dubbio le potenzialità del suo portafoglio.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...