domanda retorica

C’è una linea sottile ma mica poi tanto che unisce i funerali di Simoncelli con la ressa in coda all’inaugurazione dell’ennesimo megastore di elettronica. Siamo solo noi e le moto accese in chiesa con il tutti contro tutti per gli smartphone in offerta speciale. Un denominatore comune, e non si tratta solo del fatto che siano accadute nello stesso giorno e che coinvolgano una massa ingente di persone, protagoniste simultanee di celebrazioni pop di loro stesse intente a salire di livello, un passo più in alto verso la catarsi. La beatificazione del sacro e del profano che crea l’imbarazzo dello spettatore il quale, privo del sentimento che suscita la partecipazione in prima persona all’Evento, rimane interdetto dallo spettacolo dell’eccesso. Due bagni di folla spinti da analogo sentimento di rivalsa, l’uno verso la morte e l’altro verso la povertà e l’accessorio desiderio di riscatto (tramite l’accessorio stesso).

C’è una linea sottile ma mica poi tanto nella manifestazione di massa per la difesa del proprio pudore, che paradossalmente una volta messo in piazza e spettacolarizzato viene messo a nudo, diventa didascalico tanto quanto l’immediatezza di un inno della gioventù nichilista e scavezzacollo, probabilmente tramandato di padre in figlio, e l’istinto di sopravvivenza nella modernità e nella società della comunicazione abbreviata, che ha negli strumenti la sua visione ultraterrena, e quando tali strumenti sono accessibili con uno sconto a due cifre di percentuale la via verso l’eternità è da considerarsi in offerta speciale. Tutto questo rende vani gli sforzi di riportare una civiltà agli elementi di sobrietà che l’hanno fatta crescere, che né io né le persone che conosco hanno mai visto di persona e che quindi leggiamo solo nei libri di storia, nei rotocalchi su epoche  e costumi lontani, nei suoi discutibili adattamenti per la fiction da prima serata. E non resta che fidarci del passato che ci è stato raccontato e che, se la cartina tornasole è il presente, possiamo anche considerarci liberi di mettere in discussione. Tanto, ormai, vale tutto.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...