codice giallo

Quante volte capita di rovinarsi il weekend con uno strappo, una storta, mangi o bevi troppo e non c’è niente che ti possa rimettere in sesto dall’emicrania. Vai a sciare e ti spatasci contro uno snowboarder scavezzacollo. Ti dimentichi talmente tanto del tuo ruolo manageriale che qualche virus si impadronisce del tuo intestino. Mio papà si intristiva molto soprattutto nei casi limite, quando rientri da una gitarella fuori porta con la famigliola e vedi qualcuno che si è stampato sulla strada e pensi che, in effetti, un’indigestione tutto sommato è il meno peggio. Anche a me è andata di lusso. Ieri ho passato il pomeriggio al pronto soccorso perché mi si è conficcato il riff di chitarra di “Libera nos a malo” di Ligabue in un piede. Non sapete quanto detesti il cantante emiliano, forse per questo che mi ha fatto infezione. Camminavo scalzo in un parco e qualche comitiva di persone dai gusti discutibili deve averla cantata in coro, con l’accompagnamento di una chitarra acustica suonata però dal solista di una delle ennemila tribute band che infestano il paese. Vi ricordate l’alone viola dello spot sull’AIDS? Ti pungevi con un ago infettato e senza bisogno di Instagram ti prendevi un filtro da cui non c’era verso di tornare indietro. Ecco. Ho calpestato il riff di chitarra di “Libera nos a malo” di Ligabue e ho iniziato a cantarmela e ricantarmela nella testa. Mio nonno catturava le vipere nelle pietraie per venderle al farmacista del paese da cui poi si ricavava l’antidoto per il veleno. Con lo stesso obiettivo sarebbe il caso che qualcuno si prendesse la briga di raccogliere i residui di musica elementare da terra, anche se l’ideale sarebbe che nessuno lasciasse incustodite le hit banali ma, finiti i propri porci comodi con Vasco e quelle robe lì da scampagnata, pulisse tutto. Comunque poi è finita bene, la medicina ha fatto progressi ed è bastata una playlist di quelle che dico io per limitare la diffusione dell’infezione. Lanciamo comunque una campagna contro i riff che se ti prendono poi non te li togli più di dosso perché è vero che ci sono quelli piacevoli ma, come sapete, la madre dei negozianti che vendono chitarre elettriche a gente del calibro di Ligabue è sempre incinta.

Annunci

11 pensieri su “codice giallo

  1. cinque giorni che ti ho perso…
    trottolino amoroso e du du daddadaa…
    felicità, è zazzara romina su una panchina la felicità…
    E QUESTO è SOLO IL PODIO!

      1. Più di 30 anni di radio mi hanno ridotto il cervello in pappa:
        – ooo to fiii to fiii to fiiii…
        – aiiidii ti sorriidono i mooontii…
        – gelato al cioccolato dolce un po zalaato…
        🙂

        Come ti capisco!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...