tattico un cazzo

Anche quest’anno, nel corso dell’ultima settimana di luglio, svariate centinaia di migliaia di uomini italiani over 40 si sono sottoposti a un radicale ridimensionamento della lunghezza dei capelli, ciò che comunemente viene definito come taglio tattico. Il taglio tattico è un retaggio di un’antichissima e reazionaria leggenda popolare secondo cui il periodo delle ferie estive debba essere affrontato con acconciature il più corto possibili in risposta alle imminenti esigenze di comodità e di adattamento ambientale. La seconda ragione ha una sua attendibilità, dal momento che portare lunghe chiome in estati roventi come quella attuale può causare l’aumento dell’insofferenza verso il caldo. La prima invece è totalmente campata in aria, una vera e propria leggenda metropolitana.

A meno che non vi apprestiate a trascorrere un mese di bivacco in aree infestate da pidocchi, non c’è nessuna possibilità per cui il modo in cui portate i capelli possa esservi di impiccio. Cosa c’è di diverso tra la vacanza e la vita d’ufficio, a parte l’ufficio? Invece arriva la fine di luglio e, prima o poi, ci caschiamo tutti. Gli hair stylist ci aspettano alla loro postazione già con la macchinetta in mano pronti a fare di noi dei veri e propri marines. Siamo noi i primi che dovremmo dirgli che non c’è differenza dall’ultimo taglio che ci hanno fatto, eppure al momento di dichiarare che cosa vorremmo, dentro di noi si fa strada quell’antico insegnamento per cui, prima di partire per le ferie, bisogna darci un taglio, un taglio consistente, un taglio tattico. Ma parliamoci chiaro: di che tattica stiamo discutendo? Tattico perché?

Vi sarà di conforto sapere che anch’io, giunto al consueto appuntamento come tutte le estati precedenti, ho chiesto espressamente un’acconciatura ultra-corta. Nicholas, il mio hair stylist, non ha commentato in nessun modo il suo operato. Ma la cassiera, appena mi sono avvicinato per pagare, ha scherzato con me avvisandomi che. come premio per il taglio tattico. c’era un simpatico omaggio estivo, una specie di trolley di cartone di un’inutilità spaventosa che è già finito nella spazzatura. In ufficio in molti hanno commentato il mio taglio tattico proprio con queste parole, e io ogni volta a schermirmi con la scusa che mi ero fatto il consueto trattamento da campeggio. Anche a casa mia sono stato apostrofato con “uè che taglio tattico”, eppure non è che li porto lunghi, eh, quindi dovrebbero esserci abituati, almeno loro. Infine, una vicina che incontrerò se va bene cinque volte l’anno aspettando l’ascensore, quindi malgrado fosse probabile che l’ultima volta mi avesse visto con i capelli rasati di questa misura, anche poco fa, sulle scale, ha manifestato la sua sorpresa nel vedermi ornato di “un bel taglio tattico”. Ora non so dirvi quale sarà la mia tattica futura, di certo mi crescono sempre troppo in fretta ma, per fortuna, si va in ferie estive solo una volta all’anno.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...