genitori apripista, istruzioni per l’uso

Vi sarete accorti che il vostro esistere purtroppo si snoda sotto l’influsso del prossimo, considerando la natura umana di animale sociale, e che quando il prossimo è una merda è facile che la qualità della vita – per quanto si possa essere impermeabili alle secrezioni fisiologiche – un po’ ne risenta. Questo è uno dei leit motiv di questo e di altri blog, forse perché a noi scribacchini dell’online piace rifugiarci in questo eremo virtuale privo di contraddittori. Quando si hanno dei figli si sommano le teste di cazzo che si vorrebbe eliminare dalla propria vita a quelle che ci piacerebbe si togliessero di torno da quella dei propri ragazzi. Farsi carico di questi oneri è la cosa più naturale del mondo ed è un fardello che hanno anche i genitori meno attenti. C’è un problema, però. Se voglio sbarazzarmi di una persona perché fa gli sgambetti a me quando le condizioni diventano insostenibili posso scegliere di cambiare strada, nel limite del possibile. Darci un taglio, andarmene, decidere di non vederla più, cercare un nuovo lavoro. I figli invece non è che puoi prenderli e spostarli altrove – a meno che la gravità della cosa non lo imponga – perché intanto non sono pacchi postali, poi non è detto che la loro percezione del problema sia la stessa della nostra. Non so quindi come si faccia, ma possiamo metterci comodi e intavolare una discussione.

Annunci

Un pensiero su “genitori apripista, istruzioni per l’uso

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...