se avete fatto delle cazzate da giovani il mio consiglio è di tenerle nascoste ai vostri figli

Se avete fatto delle cazzate da giovani il mio consiglio è di tenerle nascoste ai vostri figli. Prima di dare alcune definizioni di cazzata, è bene però sapere che in generale raccontarle o farsi sgamare dai figli su cose poco edificanti di cui vi siete resi protagonisti da ragazzi ha due macro-categorie di conseguenze diciamo di primo livello. La prima è che i figli presenteranno giustificazioni inattaccabili a ogni loro marachella piccola o grande utilizzando la vostra cazzata come metro di paragone per mettersi al sicuro. La seconda è che i figli possono diventare bacchettoni e quindi giudicare come inappropriato per un genitore ogni vostro anche minimo approccio trasgressivo a qualcosa come frutto della cazzata che avete fatto da giovani. Per natura sono i genitori quelli tutti d’un pezzo e i figli quelli da redarguire, da qui si evince che delle dinamiche capovolte non è facile prevedere le conseguenze, non ci sono ancora abbastanza casi di studio e ne riparleremo tra mezzo secolo, quando diventeranno adulti i figli di quelli che adesso hanno dieci anni e che hanno genitori che da ragazzi si conciavano come Robert Smith. So benissimo che molti di voi che avete fatto cazzate siete anche piuttosto rilassati nell’educazione dei figli, anche se la maggior parte di quelli che hanno fatto cazzate grosse come una casa di figli non ne hanno, un po’ perché non sono arrivati vivi all’appuntamento con l’età adulta, un po’ perché sono consapevoli del fatto che fare cazzate è tipico dei ragazzi e quindi ci passano sopra. Già vi vedo seduti sul divano a leggere il sole ventiquattr’ore, perché da punk siete diventati esperti di finanza, entra vostro figlio con il tatuaggio di fedez che gli sale su per il collo e non gli dite niente perché voi, alla sua età, vi facevate di ogni droga presente sul mercato, dormivate alla stazione e borseggiavate le vecchiette fuori dalle poste nel giorno della pensione per mantenervi i vizi. Ma non basta starsene ben zitti. È importante anche non lasciare in giro tracce o testimonianze di quanto eravate fuori di testa. Distruggete i diari, fate sparire il servizio fotografico fatto al cimitero, tenete ben nascoste cartine e filtrini perché a dodici anni sanno già tutto perché hanno il tempo ma soprattutto Google immagini dalla loro parte. Se avete suonato musica industriale e salivate sul palco in tutù con il martello pneumatico dubito che qualcuno dei millenials potrebbe capire il motivo, quegli anni in cui avete fatto delle cazzate sono più distanti da loro del futuro che hanno davanti. E fondamentalmente è proprio questo il problema. La trasgressione che abbiamo inventato noi oggi è roba che puzza di cantina perché è lì che deve stare, fondamentalmente non può essere collegata a nessun dispositivo e poi, a essere originali, nella società del presente c’è solo da perdere.

Annunci

Un pensiero su “se avete fatto delle cazzate da giovani il mio consiglio è di tenerle nascoste ai vostri figli

  1. Io sottoscrivo. Già ci si mettono i nonni a raccontare che razza di demonio eri da bambino e tu li zittisco con calci sotto il tavolo, quello che è venuto dopo è meglio tenerlo per sè

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...