la conduttrice del grande fratello #ionondimentico

Uno non fa tempo a gioire del fatto che i grillisti si dimostrano i mentecatti che sono con la faccenda delle unioni civili che subito sul fronte dei renzisti ne arriva un’altra che ti fa davvero passare la voglia alle prossime elezioni, qualunque esse siano, di stare a casa a vedersi la seconda serie di Fargo dal primo all’ultimo episodio di fila. Ora io cerco di non farne una questione di lottizzazione anche se forse si dovrebbe. La piaggeria con cui Daria Bignardi ha ospitato il nostro presidente del consiglio più volte parla da sé. Non ne faccio nemmeno una questione di competenze nel settore, è comunque una professionista della tv – dal mio punto di vista della tv spazzatura tanto quanto le De Filippi, Perego, Marcuzzi o D’urso, giusto per rimanere nelle quote rosa ma di maschi ancora peggio ce ne sono a tonnellate – quindi un nesso tra la sua carriera passata di soubrette e quella futura di direttore di RaiTre se proprio vogliamo lo si trova. Tanto meno il suo essere moglie o compagna di, che poi passo per un becero maschilista e infatti questo non lo penso nemmeno. Luca Sofri, che peraltro ha gusti musicali discutibili, possiamo ammettere che non c’entri. E se siamo ancora qui nel 2016 a parlare di una cosa successa sedici anni fa è davvero la cartina tornasole che in Italia veramente la storia non ci insegna nulla.

Daria Bignardi, attuale neo-nominata direttore di RaiTre, è stata la conduttrice della prima edizione del Grande Fratello, quello che tiriamo in ballo nelle discussioni quando ci serve un termine di paragone per identificare il peggio del peggio che si sia mai visto in tv. La prima edizione, quella del 2000 e presentata appunto da Daria Bignardi, ce la ricordiamo perché, oltre al fatto di avere dato il la a tutta la caterva di merda televisiva prodotta da allora, come se non fosse bastata quella che già c’era prima, ha portato alla ribalta gente del calibro di Pietro Taricone e Rocco Casalino, attuale responsabile comunicazione dei grillisti e il cerchio potrebbe chiudersi qui. Ci sono certe cose che hanno contribuito a farci diventare le bestie che siamo, e tra queste c’è sicuramente anche il Grande Fratello. Non so se Daria Bignardi si sia pentita o meno di quell’esperienza. Ma sono certo che sapesse perfettamente di cosa si trattava, di che tipo di programma fosse, delle conseguenze che guarda un po’ paventavano tutti e che infatti si sono avverate e non so dirvi in che percentuale la causa sia il Grande Fratello. Ritengo quindi Daria Bignardi un po’ responsabile di tutto ciò, essendosi prestata al successo dell’iniziativa. Alcuni sostengono che da allora ad oggi ha fatto ennemila cose, ma io l’ho sempre vista farle con lo stesso approccio da conduttrice del Grande Fratello.

Sono convinto che nessuno di noi avrebbe mai offerto a Daria Bignardi la carica di direttore di RaiTre se non altro per un fattore simbolico. Che messaggio dai se metti in mano a un individuo che ha contribuito a farci diventare le bestie che siamo quello che è sempre stato un elemento di cui una certa fetta di italiani – che in parte votano pure il partito di Renzi – possono vantarsi almeno un pochino? Oppure RaiTre è già diventata una merda come le reti Mediaset che hanno lanciato Daria Bignardi e il Grande Fratello? Non so voi, ma lottizzazione a parte a me sembra più una provocazione bella e buona, come quelle che faceva Berlusconi ai tempi, vi ricordate? Vi ricordate Berlusconi, almeno?

Annunci

4 pensieri su “la conduttrice del grande fratello #ionondimentico

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...