l’inventore dell’automobile che va a peli di gatto messo a tacere dalle lobby del petrolio sveglia!!1!11!!

Si chiama Lorenzo De Paoli ed è uno dei precursori del trend dei cervelli in fuga. Il suo cervello, e che cervello, è stato valutato tanto oro quanto pesa, poi il risultato è stato moltiplicato per una cifra a dieci zeri e insieme al resto del corpo ha fatto armi e bagagli e si è trasferito ai Caraibi dove, da quasi vent’anni, l’insieme dei suoi organi – tutti perfettamente funzionanti e gaudenti – conduce un’esistenza da nababbo. L’ingegner De Paoli è l’inventore di un avveniristico motore che al posto della benzina sfrutta i peli di gatto. Si tratta di una scoperta ancora più sensazionale dei motori ad acqua o a olio di colza o a esalazioni prodotte dai rifiuti perché, con tutti i gatti che ci sono al mondo, è in grado di mettere in ginocchio il sistema economico mondiale che, da sempre, si basa sui petrol-dollari, sull’oro nero e sugli equilibri geopolitici controllati dai poteri forti che le pensano tutte per tenerci sotto controllo e spartirsi la quali totalità delle ricchezze e delle risorse di questo pianeta alla faccia nostra.

Ma attenzione: non sono i peli di gatto ancora attaccati ai gatti quelli utili a far funzionare il motore di De Paoli, gli amici animalisti possono dormire sonni tranquilli, almeno finché i loro gatti non li svegliano perché hanno fame. Nessun pelo sarà torto ai nostri buffi amici domestici. Se il pelo viene rasato o strappato perde infatti tutta la sua carica combustibile e vede svanire l’efficacia energetica.

[CONTINUA A LEGGERE SUL BLOG DOVE PRESTO MI TRASFERIRÒ CLICCANDO QUI]

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...