ancora a testa in giù

Tra i miliardi di vaccate in cui affoghiamo le nostre abitudini sui social network se avete qualche contatto meno disimpegnato della media vi sarà capitato di veder affiorare qualche spunto dal ciclo di vita leggermente più duraturo rispetto ai soliti meme idioti. L’aspetto curioso di Facebook è che poi, per i miracoli dell’algoritmica – passatemi l’aberrazione, sono agli opposti di qualunque matematico – certi contenuti ti si presentano a distanza di poco tempo, nemmeno l’Internet di succhiasse via il pensiero o rubasse in qualche modo le tue elucubrazioni. Il nove e il dieci di giugno sono due ricorrenze di un certo rilievo perché ci ricordano l’assassinio dei Fratelli Rosselli, quest’anno cade l’ottantennale, e di Giacomo Matteotti, colpito a morte dalle squadracce del mascellone capovolto tredici anni prima. Sarebbe bello guardare a questi lutti con l’entusiasmo di chi può dormire sonni tranquilli, ormai al sicuro da accadimenti tanto nefasti. Ma, come dice il titolo di questa nota, qui dalle nostre parti non si può mai abbassare la guardia.

[CONTINUA A LEGGERE SUL BLOG DOVE PRESTO MI TRASFERIRÒ CLICCANDO QUI]

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...